guida joomla 6

guida joomla 5
9 agosto 2010
guida joomla 7
9 agosto 2010
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Otterremo così una prima sommaria compilazione del file xml necessario per il sistema.
Non occupiamoci per il momento della esatta compilazione del file limitandoci a inserire il nome
della cartella affinché venga riconosciuta dal sistema.

Salviamo nella cartella di destinazione con il nome TemplateDetails e l’estensione xml

creazione del file index.php del template
Apriamo un nuovo documento php in dreamweaver ripulendo anche in questo caso il codice
generato in automatico,ed inserendo la parte iniziale relativa all’header del template Questa parte iniziale di codice inserisce informazioni specifiche del sito compresi i metadata
utilizzati dai motori di ricerca attraverso delle classi impostate nel framework:
jdoc (jdocument)

esistono fondamentalmente due oggetti distinti nel framework che hanno specifiche funzioni
jdocument e jdocumenthtml
la prima con esempio visibile nell’immagine sopra
<jdoc:include type=”head” />

come è facile intuire opera un “include” permettendo così il recupero a video ad esempio di
moduli,componenti e/o informazioni,largamente utilizzata proprio nella realizzazione dei template
per il sistema.
La seconda jdocumenthtml principalmente attraverso l’oggetto variabile $this verifica
l’esistenza di una o più particolari condizioni e rappresenta un a risorsa eccezionale soprattutto
nella gestione delle istruzioni condizionali (come ad esempio la gestione della collassabilità delle
zone modulo) delle quali parleremo più avanti nella guida.
Un altro particolare importante che rileviamo in questo primo importantissimo blocco di codice è
il richiamo a due differenti fogli di stile,da questa nuova versione (attualmente è disponibile la
1.5.1 di Joomla!) è possibile effettuare modifiche direttamente dal pannello di controllo su tutti i
fogli di stile presenti nel template (ovviamente sempre racchiusi nella cartella contenitore “css” ed
inseriti nel file index.php e templatedetails.xml,una novità importante e utilissima.
Nelle versioni 1.0.x infatti pur se esiste la possibilità di avere fogli di stile multipli,la gestione e
modifica direttamente da pannello era vincolata al solo file templare_css.css,per agire sugli altri
file bisogna disporre di un accesso ftp (se il sito è pubblicato su server remoto.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.