Come scegliere le parole chiave giuste

Come scegliere le parole chiave giuste

by admin marzo 20, 2018
come scegliere le parole chiave

La cosa più importante quando selezioniamo le parole chiave è metterci nei panni del nostro pubblico di destinazione il che non è così facile come sembra, infatti tendiamo a trasferire il nostro giudizio alla ricerca. Dobbiamo chiederci come il nostro utente dovrebbe cercarci non come ci cercheremmo noi stessi. Che lingua usi? Che termini usi? Le parole chiave cambiano a seconda dell’età? E del tuo sesso? …

Non dimentichiamoci delle parole chiave conversazionali legate a servizi vocali come Siri o Google Now è sempre più utilizzato e le espressioni di ricerca sono diverse.

I servizi vocali come Siri o Google Now sono sempre più utilizzati e le espressioni di ricerca sono diverse

Il nostro intento ovviamente è quello di posizionare determinate pagine nella SERP e per aiutarci a trovare quelle parole chiave che possono essere importanti possiamo utilizzare applicazioni a pagamento come Semrush oppure dizionari di sinonimi e contrari, la varietà di strumenti a nostra disposizione è enorme. Con così tante possibilità l’elenco di parole chiave che otteniamo può essere molto esteso ma devi provare a mettere a fuoco uno o due termini da promuovere su ogni pagina .

Brainstorming nella ricerca delle parole chiave

Il brainstorming ci aiuterà a scegliere le nostre prime parole chiave

Prima di andare agli strumenti, l’ideale è fare un brainstorming che generi un elenco di parole chiave “iniziali” spesso secche per usarlo con gli strumenti e lavorare da lì.

 

 

 

 

 

In questo elenco di parole chiave seed possiamo includere:

  • Un elenco di parole e catene di parole che definiscono e danno nome ai nostri prodotti o servizi (3 o 4 termini).
  • Sinonimi e intenzioni di ricerca generati dai potenziali utenti .
  • Tassonomia o categorie delle aree importanti dell’azienda
  • Ricerche eseguite da un utente non esperto e non correlato al settore.
  • Termini estratti dal Web c’è sempre una parola Chiave interessante che forse non ci era mai venuta in mente.
  • Esamineremo web, blog e competizione del settore per capire quali argomenti vengono trattati.
  • Elenco di tutti i nostri marchi, sottomarchi e come sono posti a livello di categorie.
  • Elenco di tutti i prodotti e modelli .
  • Parole con cui un utente cerca a seconda della sua conoscenza di Internet la sua età, sesso, nazionalità, livello di studi …
  • Parole chiave che danno risposta ai problemi ad esempio su un prodotto o servizio.
  • Termini di ricerche conversazionali.

Anche dobbiamo prendere in considerazione il context non sarà la stessa ricerca di parole chiave per un web, quella per socialmedia, quella per le piattaforme video …

Le long tail

In realtà le parole chiave principali rappresentano solo il 30% del nostro traffico di ricerca, il resto è coda lunga

Quando parliamo di long tail ci riferiamo a tutto il traffico che può arrivare attraverso parole chiave meno comuni ma che in realtà rappresentano il 70% del nostro traffico di ricerca e che convertono anche. Le parole chiave principali del Web o “termini principali” rappresentano solo il 30% del traffico oltre all’algoritmo che tiene conto delle correlazioni tra ricerche conversazionali che la coda lunga rende ancora più importante.

 

 

 

La tecnica Keyword stemming

La strategia migliore è quella di posizionare in anticipo termini long tail per migliorare le parole chiave più generiche. keyword stemming È un metodo per ottenere parole chiave che dall’arrivo di Hummingbird sta diventando sempre più importante. Consiste nella creazione di parole chiave da una radice aggiungendo prefissi, plurali, parole complementari, parole derivate …

Per funzionare bene, l’ideale è scegliere parole pertinenti che portano traffico ma non sono molto competitivi. Devi trovare il equilibrio tra competizione e conversione . I termini generici ci danno più traffico rispetto al marchio o alla coda lunga, ma sono più competitivi e il loro tasso di conversione è inferiore.

Lo sforzo che dovremo fare per posizionare un termine generico sarà inferiore se per la prima volta ci posizioniamo per l’intero gruppo di parole chiave a lunga coda meno competitive.

Tipi di parole chiave

Possiamo classificare le parole chiave di:

  • Nome di prodotto o servizio. Esempio: iPad 2, Opel Corsa
  • Tipo di prodotto o servizio. Esempio: minivan, TV LCD
  • Vantaggio del prodotto o del servizio. Esempio: come formattare un PC, trucchi per il trucco …
  • Destinatario del prodotto o servizio. Esempio: regali per mamme, giocattoli per bambini …
  • Caratteristiche del prodotto o servizio. Esempio: auto di seconda mano, appartamenti estivi …
  • Azione relativa al prodotto o servizio, di solito queste parole hanno un alto tasso di conversione. Esempio: noleggio auto, acquisto vernice …
  • Ubicazione del prodotto o del servizio. Esempio: appartamenti a Madrid

Se quello che vogliamo è presentarli in una relazione o audit, possiamo raggrupparli come segue:

  • Generico, semi-generico e lunga coda: la difficoltà e il volume del traffico è più grande nella coda generica e più bassa nella lunga coda.
  • Brand e non-brand: sarà sempre più facile posizionare i termini del brand.
  • Transazionale o informativo: hanno più o meno la stessa difficoltà
  • Locale o non locale: le ricerche localizzate saranno anche più facili da posizionare, anche se forniranno meno traffico.
  • Stagionale e non stagionale: tutto ciò che possiamo specificare le ricerche riguardanti modello o stagione troveremo meno competizione.

 

Tipi di parole chiave per grado di difficoltà

A seconda degli obiettivi del nostro sito web, dovremo scommettere su un ti Po o altre parole chiave basate su branding, traffico, conversioni …

Differenze tra ricerca di parole chiave per SEO o PPC

Per SEO la ricerca di parole chiave è fatta e si concentra su circa 5 o 15 parole chiave ] in base al traffico che contribuiscono alla competizione e al suo potenziale di conversione . Da lì li distribuiremo in tag, contenuti, struttura, link, socialmedia … Inoltre saranno le parole chiave che monitoreremo nelle classifiche per seguire la nostra evoluzione.

Sarà una strategia a lungo termine e la difficoltà sarà contrassegnata dalla concorrenza, la SEO è “libera” ma non vede il tempo necessario.

Per effettuare una ricerca di parole chiave fattibili sia in SEO che in PPC dobbiamo avere chiaro chi è il cliente, non chi vuole essere

In PPC il volume di parole che possiamo comprare dipenderà dal nostro budget vengono venduti pacchetti di parole tematiche da cui possiamo vedere le parole chiave che sono le migliori lavoriamo, questa informazione sarà anche utile per SEO .

La strategia è immediata è possibile pianificare e avviare una campagna lo stesso giorno. La concorrenza influenza le offerte a più concorrenza, offerta più costosa per quella parola chiave.

Per effettuare una ricerca di parole chiave fattibili sia in SEO che in PPC dobbiamo avere chiaro chi è il cliente non chi vuole essere. Analizza il tuo sito web, sai fino a che punto possiamo modificarlo in quale posizione sei e dove potresti essere, conosci la tua concorrenza e cosa possiamo ottenere con il budget  disponibile.

Social Shares

Seo Master Class: Guida alle PBN

Il corso pratico più completo per realizzare una rete privata di blog
Una guida passo passo che ti insegna come scegliere e valutare i domini, gli strumenti da utilizzare, come linkare correttamente
il tuo Money site, best practices e consigli. Tutto con esempi pratici e test NIENTE FUFFA!
Scarica la lezione dimostrativa oppure iscriviti al corso
ISCRIVITI
Termini e condizioni nella pagina del corso
close-link
Click Me