4 punti essenziali per posizionare gli articoli del tuo blog

4 punti essenziali per posizionare gli articoli del tuo blog

by admin dicembre 20, 2017

Posizionare gli articoli del tuo blog in alto nelle SERP non è un compito semplice. Prova a chiederti quante persone scrivono su Internet sullo stesso argomento o campo? Tante vero?

Allora diventa importantissimo riuscire a differenziare i tuoi contenuti nel senso più professionale possibile, con una dedizione e una qualità decisive.

La risposta dipende dall’argomento, ma potrebbero esserci centinaia, migliaia di utenti che condividono la loro esperienza, conoscenza e impressioni in diversi blog, ad esempio film, marketing, moda o tecnologia. E tutti lottano per riuscire a posizionare meglio i loro articoli.

Anche se il posizionamento web SEO non è una scienza esatta, ma la somma di diversi parametri, ci sono una serie di fattori attraverso i quali puoi misurare se il tuo lavoro procede nel verso giusto. Per migliorare il SEO degli articoli nel tuo blog dovresti controllare e, se necessario, migliorare i seguenti parametri.

Le chiavi per posizionare gli articoli del tuo blog

Parole chiave

Le parole chiave o Keyword sono uno degli aspetti fondamentali per migliorare il rendimento del tuo post, dal momento che segneranno con precisione il termine con cui si posizionerà. Possiamo trovare due luoghi strategici per prestare particolare attenzione alle parole chiave quando si scrive un post.

La SERP

LaPagina dei risultati del motore di ricerca (SERP) offre molte informazioni sul fatto che parole chiave siano state usate bene in determinati luoghi o meno. La SERP, infatti, mostra il titolo dell’articolo la descrizione e l’URL dello stesso, un trittico particolarmente interessante in cui inserire la parola chiave principale per cui vogliamo posizionare l’articolo.

Il corpo del testo

il corpo del testo è deve avere una densità delle parole chiave Primarie basso, intorno  al 3%, cioè la parola con cui vogliamo posizionare l’articolo e le sue derivate appaia almeno una percentuale del 3% in tutto il testo . Ma attenzione, la naturalezza è premiata e i testi forzati sono penalizzati, quindi è preferibile che ci sia una minore densità di parole chiave e che il testo sia più naturale per ottenere quel miglioramento SEO che stiamo cercando.

SEO On Page

All’interno della SEO On Page possiamo esaminare diversi aspetti per lavorare sul posizionamento web del nostro articolo . La lunghezza ha sempre raccolto pareri contratstanti. Alcuni dicono che influenza e altri no. La verità è che se un articolo è lungo e buono, con qualità, argomenti e interessi per l’utente, sarà sempre un punto positivo perché, inoltre, mantiene l’utente più tempo sulla tua pagina e migliora la sua esperienza. Ma, proprio come accade con la densità delle parole chiave, se si tenta di allungarlo per il semplice fatto di aumentarne i  caratteri, alla fine è evidente, perde qualità e si perdono utenti. Pertanto, è meglio un buon articolo di 800 parole rispetto a uno cattivo di 2.000, anche se l’optimum sarebbe uno di grande qualità di 2.000 o 3.000 parole.

D’altra parte troviamo elementi che completano l’articolo che aiutano il posizionamento SEO e mantengono l’attenzione dell’utente. Questi sono, per esempio, le immagini e video . È sempre più attraente leggere un testo che contiene immagini e non vedere un testo senza alcun tipo di elementi con cui appoggiare gli occhi. Le descrizioni di queste immagini e video sono raccomandate per contenere anche le parole chiave principali.

Inoltre, è anche consigliabile che gli articoli contengano titoli H1, H2 e H3, almeno. Infatti il contenuto deve essere organizzato in diverse proprio per creare sezioni di specifico interesse. E’ buona pratica che queste intestazioni contengano le keyword principali o correlate del caso.

Linkbuilding

La SEO Offpage si concentra principalmente sul linkbuilding esterno e su come ottenere link migliori da diversi domini di autorità. Puoi forzare alcuni link ma, senza dubbio, se i tuoi contenuti sono interessanti non sarà necessario, dal momento che altri gestori di diversi siti Web o blog vorranno collegarsi ai tuoi contenuti per la loro qualità.

User experience

Tutti questi fattori che conosciamo come ‘ User experience ‘, devono offrire al visitatore del tuo blog un motivo sufficiente per rimanere sulla tua pagina, leggere il tuo articolo, commentarlo e condividerlo. Se un utente esegue tutte queste azioni, la sua esperienza sarà più che soddisfacente e Google non solo la rileva ma la valuta positivamente.

Social Shares

Seo Master Class: Guida alle PBN

Il corso pratico più completo per realizzare una rete privata di blog
Una guida passo passo che ti insegna come scegliere e valutare i domini, gli strumenti da utilizzare, come linkare correttamente
il tuo Money site, best practices e consigli. Tutto con esempi pratici e test NIENTE FUFFA!
Scarica la lezione dimostrativa oppure iscriviti al corso
ISCRIVITI
Termini e condizioni nella pagina del corso
close-link
Click Me